Dipendenza da sostanze nel terzo millennio: aspetti psicopatologici e nuove prospettive di trattamento farmacologico

MILANO, 15 NOVEMBRE 2018

condividi sui social
Dipendenza da sostanze nel terzo millennio: aspetti psicopatologici e nuove prospettive di trattamento farmacologico - Milano, 15 Novembre 2018

L’evento è accreditato per:
MEDICO CHIRURGO specialista in:
psichiatria

INFERMIERE

N. PARTECIPANTI: 500

CREDITI FORMATIVI: 3

 

Il mercato delle sostanze d’abuso è completamente cambiato negli ultimi anni ed è in continua e rapida evoluzione. Se nel passato il problema principale era costituito dall’abuso di eroina, oggi il problema principale è costituito dalle nuove sostanze psicoattive, che agiscono in modo diretto sugli stessi recettori implicati nella patogenesi dei principali disturbi psichici. Le nuove sostanze provocano pertanto soprattutto effetti di tipo psicopatologico, in particolare manifestazioni psicotiche. La cocaina continua ad essere molto diffusa e con percentuali di principio attivo più elevate rispetto al passato, inoltre, il trattamento stesso della sostanza ne favorisce un accesso diretto al sistema nervoso centrale, provocando effetti di tipo psichiatrico ancora più marcati.

L’area delle psicosi rappresenta oggi giorno un’area di studio complicata dalla presenza di numerosi fattori confondenti. Tra questi il concomitante uso di alcol o sostanze, fortemente diffuso nelle psicosi e nella schizofrenia nello specifico, si pone come una possibilità in grado di slatentizzare disturbi sotto soglia, peggiorare il quadro clinico di patologie già in essere, inficiare l’intervento farmacologico. Durante il corso saranno evidenziati diversi aspetti: in primis l’importanza di una corretta valutazione psicopatologica, necessaria per tracciare i confini della doppia diagnosi e della comorbidità. Centrale sarà anche la riflessione sui possibili interventi farmacologici, sia nella acuzie degli stati di intossicazione che nelle strategie di prevenzione della ricaduta. Inoltre, sarà indagato il campo delle problematiche di ordine medico-legale e l’eventualità di possibili conseguenze come il comportamento suicidario. Parallelamente alle considerazioni di tipo farmacologico, l’aspetto di tipo psicoterapeutico e psicosociale merita altrettanto rilievo: gestire prima la dipendenza da sostanze o il disturbo psicotico? Attualmente la ricerca in questo campo appare carente e limitata dallo scarso interesse sempre colpevolmente mostrato dalla psichiatria. Attualmente, vista l’insorgenza di nuove sostanze dal forte potere dissociante, uno studio approfondito sul fenomeno non può più essere ulteriormente demandato.

logo Thenewway

Caricamento in corso…