Il paziente immigrato con infezione da HIV
Dall’esperienza nei Centri del Triveneto alla proposta di un progetto prospettico

Dal 28 SETTEMBRE 2021 al 28 SETTEMBRE 2021

condividi sui social
Il paziente immigrato con infezione da HIV - Milano, 28 Settembre 2021

L’evento è accreditato per:
MEDICO CHIRURGO specialista in:
igiene, epidemiologia e sanità pubblica; pediatria (pediatri di libera scelta); psicoterapia; epidemiologia; allergologia ed immunologia clinica; ematologia; malattie infettive; medicina interna; neonatologia; pediatria; farmacologia e tossicologia clinica; microbiologia e virologia; patologia clinica (laboratorio di analisi chimico-cliniche e microbiologia)

INFERMIERE

INFERMIERE PEDIATRICO

TECNICO SANITARIO LABORATORIO BIOMEDICO

FARMACISTA: farmacia ospedaliera; farmacia territoriale

PSICOLOGO: psicoterapia; psicologia

BIOLOGO

ASSISTENTE SANITARIO

N. PARTECIPANTI: 50

CREDITI FORMATIVI: 4,5

 

Il paziente di origine non italiana rappresenta una quota significativa dei soggetti con HIV seguiti dai Centri nell’area del Triveneto. Le barriere linguistiche e culturali rappresentano spesso un ostacolo per la comunicazione con i pazienti, specie con riguardo alla comprensione della finalità della terapia antiretrovirale, delle modalità di assunzione e dei possibili effetti collaterali. Le scale per il rilevamento degli effetti indesiderati della HAART, della compliance alla terapia e per la diagnosi ed il monitoraggio delle patologie del SNC sono spesso incomprensibili per chi non ha padronanza linguistica ed è ostacolato da modelli culturali diversi da quello occidentale.

L’evento si pone come obiettivo quindi, tramite l’analisi dello stato dell’arte e la condivisione dell’esperienza dei singoli centri, lo sviluppo di metodologie e strumenti comuni da applicare al paziente immigrato in Italia con infezione da HIV con focus anche sulle donne immigrate.

vedi programma cv relatori
Con la sponsorizzazione non condizionante di
Logo Janssen Cilag SPA